Cerca
  • VOCE alla Radio

Silvina Potenza: una scrittrice rosarina con il cuore italiano.



Silvina è rosarina. Moglie, madre di tre donne, laureata in Comunicazione Sociale e scrittrice, sebbene altamente identificata con la sua ultima professione. Passionale, intraprendente e sognatrice, cammina attraverso la vita cercando di vedere sempre il " bicchiere mezzo pieno", facendo appello all'interazione con tutti attraverso il dialogo e cercando di esprimere nelle sue storie un po' della vita stessa.


Vuoi presentarti, Silvina?

Aggiungo che ho 49 anni e quello a cui mi dedico ora è scrivere. Scrivere è volare, sentirsi un po’ Dio e dare vita ai personaggi; è inventare situazioni, risolvere problemi, proiettare le storie che vivono nella mia mente e nel mio cuore.


Com’è la tua relazione con l’Italia?

Sono nata a Rosario in un quartiere che, come me, ha chiare radici italiane. I miei bisnonni, tutti immigrati, provenivano da diverse regioni: dalla Puglia (il nonno Emanuele che mi ha lasciato la cittadinanza); dalla Calabria, dalla Sicilia e dalla Basilicata. L'Italia è qualcosa che non solo porto nel mio sangue. Sono andato alla Dante Alighieri e si potrebbe dire che esisto grazie alla scuola.


In che senso esisti grazie alla Dante?

Perché è letteralmente così! Ti racconto: i miei genitori, Roberto e Ana María, si sono incontrati lì, nel momento in cui gli studenti di grado superiore erano precettori dei minori e l'uniforme era un grembiule bianco. Mio padre era il precettore di mia madre e da allora, erano rispettivamente al primo e al terzo anno, camminarono insieme nella vita (fino al 2013 quando il mio vecchio morì). I miei fratelli, le mie figlie, i miei nipoti, sono andati tutti (alcuni vanno ancora) alla Dante, è una tradizione... e un sentimento. Una sensazione così profonda che porto dentro il mio cuore e che mi fa accapponare la pelle ogni volta che sento “Fratelli d'Italia” o come quando in Italia mi chiedevano se fossi piemontese per via del modo di parlare. Quando ho saputo di VOCE, mi sono emozionato e ho pensato che sarebbe stato bello se il mio lavoro letterario potesse attraversare l'oceano ed essere tradotto in questa lingua che sento tanto mia quanto lo spagnolo stesso.


Raccontaci dei tuoi libri..

Uh, bene. Ce ne sono diversi ... Il primo è un libro biografico, nel quale, per farlo, ho m