Cerca
  • VOCE alla Radio

ANTONIO ARGENTIERI


Antonio Argentieri, poliedrico artista non solo nel campo del food/hospitality e promulgatore delle eccellenze italiane nel mondo attraverso i suoi eventi e cooking show, "segretario nazionale per l'Irlanda dell'A.I.M, ambasciatore internazionale della CLCRF (Children's Leukemia Cancer Research Foundation), membro onorario del Commonwealth e giudice del Perth Royal Show, fondatore della "Cake Kid's Teraphy", vincitore del "Disney Award International 2010",responsabile sezione dessert "Sanremo D.O.C. Casa Sanremo e ospite e concorrente in numerose realtà mediatiche come TV show e radio non solo Italiane.

Questi, sono solo alcuni dei meriti del nostro Pastry Chef internazionale, un baluardo della cultura italiana nel mondo. Australia, Canada, Russia, Kirghizistan,Irlanda sono solo alcuni paesi dove la sua arte ha avuto I maggiori riconoscimenti.

Volto conosciuto per gli italiani, per I programmi ed eventi televisivi su RAI e altre realta'.

Il nostro caro Chef e' originario di un paese abruzzese, Vasto (ch) dove risiede, una splendida citta' di mare affacciata sull'Adriatico. Da come ci racconta, parte parte della sua infanzia lo ha vissuto anche in un paese dell'entroterra Abruzzese Monteodorisio (ch), il paese del suo papa'. Un piccolo e grazioso scrigno medievale adagiato su una collina, con tanto di castello e borgo antico.


"...Sono stato sempre fortemente convinto, come lui ci racconta, di portare con me nel mondo la mia eccellenza italiana e il mio angolo d'Abruzzo.  Qualità, cultura e storia viste attraverso la mia arte di pasticcere.

Nei vari miei viaggi di promulgazione nel mondo delle eccellenze della mia terra e quindi dell'Italia, ho avuto da sempre una forte relazione e attrattiva con l'Australia, ormai da diversi anni, in particolare con l'Australia occidentale e la città di Perth.  Ho iniziato con i mie show cooking, fino a tornare anche 3 volte l'anno, per altri spettacoli sempre più numerosi in circoli regionali, associazioni, e per eventi patrocinati dallo Stato..."

"...Come risultato di tutto questo e per il mio amore per la città di Perth W. A., sono stato onorato dei “bottoni gemelli” con il simbolo della città, e per la diffusione all'estero del patrimonio italiano nel mondo.  Nel frattempo, sono diventato ospite e giudice del Perth Royal Show e dell'Associazione dei decoratori di torte di W. A. Sempre in Australia, ormai da anni sono ambasciatore del CLCRF con sede a Perth, ma operante a livello internazionale, collaborando e organizzando grandi eventi di raccolta fondi per la ricerca contro il cancro infantile.  Ed è da tutto ciò che poi ho creato e brevettato la mia “Cake Kid’s Therapy” con un approccio terapeutico ai bambini che stanno attraversando un brutto periodo; alla pasticceria artistica italiana..."

"...Mi sono sempre considerato un artista a tutto tondo, che ha anche trovato un percorso nella vita facendo lo chef; sorprendendo anche le mie stesse aspettative e quelle che in me avevano visto tutt'altro. Ho sempre amato la nostra cultura italiana, in tutte le sue espressioni vaste e uniche.  Ricordo fin da piccolo, guardando mia madre e mia nonna, mentre facevano i dolci, la pasta fresca e molto altro della nostra tradizione; che mi affascinava sempre di più, anche dietro le loro storie.  Mi hanno parlato dell'arte, della storia e delle tradizioni che erano dietro a quei preparativi.

Poi crescendo, ho perso questa attenzione, anche se è rimasta nascosta in me.  Ho deciso di intraprendere un altro percorso, sempre artistico, portandomi a studiare interior design all'Accademia. Ed è in un momento particolare e delicato della mia vita che, grazie all'intuizione di mio figlio Karoljozef, questa mia passione è esplosa di nuovo.  È quello che ha elogiato la mia pasticceria e mi ha chiamato "Sweet Daddy".  Ed è da allora che ho iniziato a studiare e specializzarmi in questa “arte bianca”, dove esprimo al meglio i miei studi passati.

Dopo un anno ho fondato “Sweet Daddy Pastries & Co Italy” e ho iniziato subito a viaggiare per il mondo.  Oggi risiedo in Irlanda, dove è nata la “KJA FACTORY”, che ha assorbito Sweet Daddy Pastries & Co Italy..."

"...La “KJA FABBRICY” è una realtà che raccoglie tutte le mie esperienze maturate negli anni.  Infatti porta il nome di mio figlio Karoljozef, ed è un altro modo per ringraziarlo. La mia Factory porta con me nel mondo le qualità e l'eccellenza italiana, l'arte, la cultura e la storia del mio Paese.  Seleziono e creo prodotti culinari e non con piccole aziende familiari italiane, che producono in modo artigianale, seguendo ancora tradizioni secolari, come la “Fratelli Costa” e la “Orma”,  prodotti Siciliani e Abruzzesi.


Attraverso i miei programmi di cucina, tutta l'Italia è rappresentata in modo sensoriale.

Dico sempre nei miei spettacoli, "qui vivi ed entri nel cuore dell'Italia per un paio d'ore".

Con il girare il mondo, con il passare del tempo con i miei spettacoli, sono stato invitato in tanti altri paesi, sempre grazie ai contatti e alle amicizie che si sono sviluppate attraverso il mio buon lavoro.  Ho ricevuto molte soddisfazioni, sia umane che professionali. Ho costruito relazioni che mi hanno permesso di servire molti rappresentanti statali di alto rango, come il primo ministro russo in Kirghizistan a un banchetto di stato.  Ho visto, con l'Italia nella mia arte e nel cuore, tanti paesi, mancava solo l'America e avrei dovuto visitare a settembre New York e Las Vegas per iniziare dei rapporti commerciali, ma purtroppo Covid19 ha bloccato tutto.


Fortunatamente seguo sempre il mio motto è “Impara, crea, gioisci” e lo porto in tutto ciò che faccio.  Non dimentico mai le mie radici, e dall'Italia posso solo imparare, creare, gioire.  Presentarsi con un sorriso è la chiave di tutto. Il mio campo artistico è vasto ed è sempre vivo nella mia “arte bianca”. Nelle mie creazioni, nelle mie torte, c'è arte, scultura, studio.  Ho in programma di organizzare una mostra con i miei pezzi più rappresentativi.  Ho anche una seconda passione, il canto.  Amo follemente l'opera, e' bello ricordare anche l'esperienza in RAI TV, è stata fantastica, formativa e mi ha portato a incontrare persone e lavoratori unici, e ancora oggi ne sento gli effetti su di me. Come non ricordare anche la mia esperienza al "Festival di Sanremo" è stato l'ennesimo riconoscimento della mia arte e della mia persona.  Essere chiamata a creare un dolce per il cinquantesimo anniversario della carriera del soprano Katia Ricciarelli, è stata un'emozione senza pari..."

"...Fortunatamente ho tanti progetti, anche per questo anno appena iniziato ed ancora incerto. Intanto continuo nel migliore dei modi a diffondere le nostre tradizioni all'estero. Poi nei prossimi mesi, Covid19 permettendo, c'è l'uscita del mio album “Singing with the chef”, che e' stato rimandato causa pandemia.  Ho già la conferma di Sanremo 2021 D.O.C, dal 2 al 6 Marzo e un programma televisivo e finalmente venire anche in Argentina, perche' no per un grande evento culturale tutti insieme..."